Archivio tag: prodotto relazionato

Quando entri in CRMVillage per la prima volta… parliamo un pò di noi.

Senza-titolo-1

Quando entri in CRMVillage, per prima cosa ti colpisce la giovane età dei tanti ragazzi che ci lavorano ogni giorno.
L’impatto non è forte, nonostante, aperta la porta, ti ritrovi in un grande open space fatto di scrivanie affiancate, ticchettare di tastiere e l’inconfondibile rumore dei passi di Timo, un cagnolino bianco, ormai mascotte del gruppo.

Quando entri in CRMVillage, ti viene offerta subito una chiavetta per la macchinetta del caffè.
Può far sorridere, ma questo gesto ti fa sentire accolto, è come se qualcuno ti dicesse “bene, puoi essere uno dei nostri!”
Nell’open space trovi tre gruppi di lavoro, c’è chi si occupa di sviluppo, di processi e programmazione, chi di assistenza clienti e formazione e, infine, è presente l’immancabile area commerciale e amministrativa.

I titolari all’inizio non li distingui, quasi si mescolano e si confondono con tutti gli altri.
Dopo qualche giorno non percepisci più la suddivisione, inizi a dare un nome a tutti e qualcuno inizia anche a chiamarti con il tuo.
Quando entri in CRMVillage e non sei un grande esperto di CRM, può sembrarti tutto un po’ strano.

Il linguaggio è tecnico, tutti lavorano su una pagina web bianca e blu della quale non cogli a pieno i segreti; la parole più quotate sono “ticket” e “prodotto relazionato”.
Poi, con il passare dei giorni scompare ai tuoi occhi la divisione in gruppi che avevi percepito e, riflettendo, capisci perchè.

Quella pagina bianca e blu nasconde, oltre a ticket e prodotti relazionati, anche un modulo di conversazioni che silenziosamente scorrono e uniscono tutte le postazioni. Si parla soprattutto di lavoro, ma di tanto in tanto si scherza e ti ritrovi invitato in sala mensa a festeggiare un compleanno o il rogito per l’acquisto di casa.

Qui nascono soluzioni CRM dotato di motore BPM per la creazione di process driven.
Non sai ancora se sia casuale, o si tratti di una scelta, eppure, qui convivono sia l’aspetto process based che quello human based.
Può sembrarti strano, anche perché spesso il primo viene descritto contrapposto al secondo.
Bene, qui si progetta e si utilizza un applicativo process driven. Pensare però che questa condizione possa mettere in secondo piano la dimensione umana, ti fa sorridere.

Sorridi perché qui, i process driven nascono anche da una sfida persa o vinta a calcio balilla, tra i battibecchi di Massimo e Raffaello, dalla passione per le AlfaRomeo di Maikol e dalla barca a vela di Alessandro, rovinosamente arenata per la bassa marea.
Nascono nelle uscite in mountain bike di Marta e Claudio e nelle gran bevute ma “degustative” di Aurora. Nella voce da speaker di Francesco e nel suo buon umore. Nelle esclamazioni improvvise di Erike e nelle freddure di Stefano.
Non sai poi, se possano nascere anche nei whatsapp di Mapo e Manuel. Ma si dai! Forse si!
A costruire processi c’è un gruppo di persone con molteplici competenze. A volte, se non sei un tecnico, puoi sentirti un po’ in difficoltà. Forse è successo anche a Federico, l’ultimo arrivato. Difficoltà o meno, puoi chiedere sempre una mano a Emanuele, Denis e Manuel e, se sono impegnati, c’è Michele, pronto a prestarti l’accendino per fare una pausa.