Le opportunità offerte dal Piano Nazionale Industria 4.0: CRM e IoT a confronto (Webinar)

WEBIscriviti al Webinar

Alla base dell’evoluzione dei sistemi produttivi in Industry 4.0 vi è, senza ombra di dubbio, la diffusione di reti, sistemi embedded e devices connessi. In una sola parola: IoT (Internet of Things).

I cosiddetti CPS (cyber-physical system), sistemi fisici connessi con sistemi informatici, interagiscono e collaborano con altri CPS, favorendone la decentralizzazione e trasformando la factory in smart factory.

I vantaggi dell’interazione sono notevoli soprattutto se si considera la riduzione degli sprechi e dei tempi di produzione.
Se è vero che le skills che determineranno il successo delle organizzazioni in un prossimo futuro saranno la creatività e la capacità critica delle persone, è pur vero che la tendenza attuale considera i sistemi informatici collegati quasi esclusivamente all’aspetto produttivo (MRP) o a quello contabile/economico (ERP). Vi è, infatti, una forte connessione logica: per entrambi gli aspetti, l’integrazione con CPS e sistemi informatici conduce immediatamente a un’efficace esecuzione o alla misurazione dei costi di produzione di un determinato prodotto.

Il tessuto produttivo di ciascun Paese e in particolare quello italiano, artefice della straordinaria esperienza delle PMI, si fonda principalmente sulle persone, sui team di lavoro e su un variegato insieme di competenze e attitudini da coordinare e strutturare in processi e procedure da rispettare.
Considerate da questa nuova prospettiva, le organizzazioni rientrano a pieno titolo fra i sistemi fisici, pronte a farsi investire dall’innovazione e a interagire con i sistemi informatici.

Partendo da tale prospettiva e con l’attenzione rivolta alle organizzazioni, CRMVillage ha introdotto nel mercato italiano il “Process Driven CRM.

CRM e BPM (business process management) insieme in una nuova tipologia di applicativo, finalizzato alla gestione attiva dei processi aziendali e pienamente in linea con i principi del Piano Industria 4.0.

Attraverso l’utilizzo del Process Driven VTECRM è possibile:

  • digitalizzare le procedure aziendali e renderle di semplice esecuzione attraverso la scomposizione in compiti puntuali e autoesplicativi;
  • ridurre la complessità, diminuire l’intervento di operatori e, soprattutto, la soggettività delle decisioni basate adesso su report oggettivi e analitici;
  • integrare i sistemi fisici aziendali con l’organizzazione stessa;
  • focalizzare l’attenzione sull’esecuzione dei processi aziendali “da e verso” il cliente, rispetto ai singoli dipartimenti.

A titolo esemplificativo è possibile:

  • consentire l’attivazione di procedure di manutenzione su impianti installati dal cliente, differenti per tipologia di intervento richiesto e organizzazione chiamata in causa, in modalità automatica;
  • attivare automaticamente richieste di offerta per la sostituzione di parti usurate;
  • proporre soluzioni idonee al cliente in base alla tipologia d’uso dei prodotti venduti;
  • preventivare in modo preciso al cliente costi e tempi di esecuzione commessa, tramite l’interrogazione dei sistemi produttivi;
  • l’integrazione tra sistemi fisici e organizzazione rappresenta, perciò, non solo un obiettivo aziendale a cui le imprese che vogliono evolversi sul mercato devono tendere, ma anche uno dei fini del Piano Nazionale Industria 4.0.

Assieme ai vantaggi competitivi è possibile inoltre ottenere vantaggi fiscali reali e durevoli.


Per un approfondimento iscriviti al webinar “Le opportunità offerte dal Piano Nazionale Industria 4.0: CRM e IoT a confronto” attraverso il form sottostante
 

Date:
Mercoledì 22/11/2017 ore 15.00 – durata 40′
Mercoledì 29/11/2017 ore 15.00 – durata 40′

Per maggiori informazioni contattaci a info@crmvillage.biz

Lo staff CRMVillage


 

Lascia un commento