La fedeltà come fattore chiave nei processi di branding

Secondo AAker, economista statunitense ed esperto di marketing, il valore di una marca dipende da cinque fattori che ne sono gli elementi costitutivi:diagramma-di-flusso-di-marca-d-43450405

  • la fedeltà alla marca
  • la notorietà di marca
  • la qualità percepita
  • le associazioni di marca

Non a caso abbiamo citato per primo il concetto di fedeltà.
Secondo diversi studi infatti la fedeltà alla marca costituisce il fattore più rilevante nella formazione del valore della stessa perché esprime una misura dell’ attaccamento del cliente al brand/azienda e deriva da un’ esperienza diretta di acquisto ed uso.

Al crescere della fedeltà diminuisce la probabilità che un cliente scelga un nostro competitors e dunque diminuisce la vulnerabilità dei consumatori di fronte ad iniziative della concorrenza.
In quest’ ottica è chiaro che la fedeltà influenza notevolmente il valore dell’ azienda in quanto ha un’ effetto diretto sui ricavi e profitti.

Un’ impresa che vanta alti tassi di fidelizzazione potrà infatti ridurre altri costi di marketing e disporrà di un maggiore potere contrattuale nei confronti della distribuzione, nonché di barriere difensive nei confronti di concorrenti esistenti e potenziali.

Non va inoltre trascurato che un cliente fedele e soddisfatto molto probabilmente parlerà bene dell’ azienda e dei prodotti, generando un passaparola positivo e nuovi potenziali clienti.

Soddisfacendo le attese dei nostri clienti e rispettando le promesse di valore espresse è inoltre possibile elevare la qualità percepita. Se ne deduce facilmente che un’ elevata qualità percepita può dar luogo facilmente ad un premium price o facilitare fenomeni di brand extencion o brand stratching, così come può accrescere il potere dell’ impresa nei confronti della distribuzione.

Un noto esempio di tale strategia è Apple, azienda che vanta tassi di fidelizzazione molto alti ed una forte identificazione con il brand. Questo fattore chiave permette ad Apple di mantenere prezzi più alti rispetto ai principali competitors, aumentare di conseguenza la marginalità ed investire in ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, ampliando la propria gamma con prodotti innovativi che trovano subito il favore del mercato. Esempio tra tutti è l’ Ipad, prodotto lanciato sul mercato da Apple e diventato in breve tempo il tablet per eccellenza nella mente dei consumatori.

Tutti conosciamo la storia di Apple ma soffermiamoci un momento a capire COME Apple sia diventata un gigante di mercato nel suo settore: sicuramente partendo dal “PERCHE’”…”perchè le persone dovrebbero acquistare Apple?” “perchè Apple può soddisfare i bisogni delle persone?” “perchè introdurre sul mercato un determinato prodotto?”
Il concetto chiave della fidelizzazione è insito proprio nel “perchè?”, nel mettersi quindi nei panni dei clienti, capire ciò che desiderano ed offrire loro risposte coerenti e mantenere tale coerenza nel tempo.
Conosciamo i nostri clienti, chiediamoci cosa vogliono ed offriamo loro dei prodotti e servizi in linea con i loro desideri, comunichiamo con loro in modo coerente e trasparente ed avremo clienti fedeli e soddisfatti!

Lascia un commento