CRM: ciclico o anticiclico

Si legge dalle statistiche che le applicazioni di CRM come quelle di ERP in generale subiscono e subiranno una riduzione in termini di crescita nelle aziende per effetto delle turbolenze dei mercati e della “crisi economica generale”.
Probabilmente in questa fase molte aziende stanno riducendo i budget di spesa in IT. Sempre da queste statistiche si legge che soprattutto il settore hardware è coinvolto, un po’ come per le autovetture. Si fa più manutenzione e meno acquisti, si tende a utilizzare meglio le risorse presenti in azienda ed evitare nuovi acquisti.
Detto ciò l anche nel settore del software le aziende tendono ad utilizzare meglio le proprie risorse. Dedicando più tempo alla selezione di soluzioni comunque buone ma con TCO (total cost of ownership) più contenuti. Ecco quindi che le soluzioni di CRM di tipo open source, come l’open source in generale, non sono più una semplice idea che balena nella testa di qualche IT manager ma diventa una delle opzioni possibili. Quindi possiamo dire che se il CRM è una soluzione IT che risente molto degli andamenti dell’economia (in modo proporzionale), il CRM open source invece è più anticiclico come logica. Nei momenti di difficoltà le aziende spingono verso una riorganizzazione dei processi e verso una maggiore efficienza. Non rinunciano quindi ad adottare nuove soluzioni ma guardano molto di più al costo di accesso come fattore determinante di scelta. Ecco quindi che soluzioni come quelle open source che non hanno costi di licenza saltano subito in pole position e diventano buone o migliori di altre soluzioni. Come dire, nei momenti di difficoltà bisogna tirare fuori il coraggio e rompere con gli schemi di scelta precostituiti. Trovare soluzioni diverse a minor prezzo ma comunque valide e robuste per il business aziendale.

Lascia un commento